I nostri mentor: chi, cosa, come, perché

Mentor famosi all'opera

CHI SONO > Ogni sessione di coderdojo si basa sulla disponibilità e l’allegria contagiosa dei mentor, volontari che mettono a disposizione il proprio tempo, e che sono spesso professionisti del loro settore: non solo programmatori o informatici, ma anche insegnanti, pedagogisti, studenti universitari o semplici appassionati del pensiero creativo e della condivisione del sapere.

COSA FANNO> I coderdojo sono sempre più diffusi in tutto il mondo e il numero dei mentor che partecipa a queste esperienze aumenta sempre più. Si propongono come facilitatori del processo di apprendimento, senza sostituirsi ai partecipanti, aiutandoli a trovare una possibile risposta o soluzione ad ogni bivio. Non si mettono in cattedra, ma a fianco o alle spalle dei ninja, pronti ad intervenire ad ogni richiesta!

PERCHE’ LO FANNO? > Tra i motivi che affascinano i nostri mentor, c’è sicuramente la caratteristica principale di essere open-source (sia nelle tecnologie utilizzate che nell’approccio didattico). Ma non solo! Imparare il coding aiuta a sviluppare la creatività ed il pensiero computazione, abilità che nella scuola non sempre vengono valorizzate. Inoltre, le sessioni di coding sono stimolanti e divertenti per tutti i partecipanti, e si basano sui principi del Creative Learning (= Apprendimento Creativo) teorizzato dal Lifelong Kindergarten Group del MIT di Boston.

COME SI FA? > L’apprendimento creativo è, semplicemente, un processo che fa leva su 4 elementi chiave, definiti 4P:

  1.  Projects (= Progetti): il coinvolgimento attivo in un un progetto aiuta ad imparare meglio;
  2. Peers (= Compagni, “alla pari”): l’apprendimento è un’attività sociale basata sul coinvolgimento, sulla condivisione di idee e sulla collaborazione per realizzare un progetto;
  3. Passion (= Passione): lavorare su qualcosa che ci sta a cuore ci fa lavorare con passione, superare le difficoltà delle sfide e sviluppare la motivazione;
  4. Play (= Gioco, “fare”):  l’apprendimento è un esperimento divertente: provare nuove strade, armeggiare con materiali, valutare i propri limiti, rischiare, provare, sbagliando, e provare ancora.

In ogni caso, tenendo ben presenti questi principi nonché le le 7 regole d’oro del mentor (teorizzate dalla pedagogista Barbara Laura Alaimo), non esistono corsi o patenti per diventare mentor. C’è una sola strada: partecipare a uno o più coderdojo, osservare le attività degli altri mentor, farsi contagiare dall’entusiasmo dei partecipanti e decidere di fare parte della squadra!

Vuoi saperne di più? Unirti a noi? Organizzare un coderdojo nella tua scuola, nel tuo comune o per i tuoi bambini? Scrivici a coderdojosalerno [@] gmail.com, ti aspettiamo! 

orizzontale colore

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...